I luoghi che abito

L’esperienza di Build the Future nasce da lontano, anni fa ci siamo trovati a pensare cosa avremmo potuto fare per incontrare bambini e giovani adolescenti e progettare per loro programmi di  prevenzione alla salute. In entrambi i progetti Emoji-Me, dedicato ai bambini delle scuole  elementari e Build The Future,  ai ragazzi delle scuole medie, siamo partiti dall’esperienza individuale di ogni bambino e ragazzo, abbiamo proposto loro il guardarsi dentro.
Per i bambini abbiamo utilizzato il tema delle emozioni alla ricerca dei loro sentimenti, per poi allargare l’ esperienza alle emozioni nell’altro.

Con l’ idea di sviluppare il concetto d’identità, di riconoscimento di sé e di relazioni, alla ricerca di possibilità di incontro e di dialogo. Con i ragazzi di Build The Future allo stesso modo l’osservazione era verso la proprio esperienza individuale, attraverso l’ ideazione della propria “carta d’identità” che ha aiutato i ragazzi a definirsi.

Dall’esperienza individuale, al gruppo classe fino a gettare lo sguardo ai luoghi di vita dove bambini e ragazzi hanno modo di creare le loro esperienze. Idealmente abbiamo fatto riferimento al concetto di CASA come luogo dove abbiamo modo di esprime noi stessi, dove  ci sentiamo bene, accolti, sicuri, amati…la prima casa siamo noi stessi ecco perché il progetto prende il via dall’individualità di ognuno, conoscere se stessi.
La questione viene poi aperta all’ altro con cui entriamo in relazione, fino all’intera rete di relazioni che intratteniamo. Abbiamo quindi chiesto ai ragazzi in quali luoghi si sentissero a casa e in quali no, e sui no abbiamo costruito l’azione, le trasformazioni. Le trasformazioni proposte sono azioni concrete di cambiamento per riappropriarsi di luoghi poco vissuti, o vissuti negativamente, dove i ragazzi mettono un segno, lasciano una traccia. ABITARE UN LUOGO, viverlo ed esserne anche responsabili, rende gli spazi privi di preoccupazioni quindi sicuri.

 

« 1 di 2 »

Irene – Team Build The Future

Comune di Macerata
Dipartimento Dipendenze Patologiche AreaVasta3
Associazione GLATAD onlus

Lascia il tuo commento