Le emozioni prendono vita sulla stoffa

Durante la settimana culturale dell’Istituto Comprensivo “E.Fermi”, che si è tenuta nel mese di febbraio, siamo tornati a trovare i bambini delle classi IV delle Scuole Primarie dove avevamo portato il progetto “Emoji-me”: “Q.re Pace” (Via E.Rosa), “Edmondo De Amicis” (q.re Cairoli), “Enrico Medi” (loc. Le Vergini), “Sandro Pertini” (Piediripa), “Anna Frank” (Villa Potenza). I bimbi ci hanno accolto nuovamente con tanti sorrisi e tanto affetto e grazie al loro entusiasmo hanno reso magica l’atmosfera.

 

Anita e Francesca del team artistico hanno svuotato al centro della classe una montagna di stoffe di vario tipo e vari colori e hanno proposto loro di creare degli arazzi partendo da come vivono e percepiscono le emozioni.

L’arazzo è una forma di arte che si pone a metà strada tra l’artigianato e la rappresentazione artistica. Ed è così che grazie alla condivisione di idee e all’abilità delle loro mani, taglio dopo taglio sono venuti fuori dei veri capolavori. In ognuna delle 6 classi coinvolte i bimbi hanno espresso le loro emozioni attraverso l’arte, con ascolto e rispetto anche delle emozioni e delle percezioni altrui. Hanno così potuto sperimentare in un modo nuovo come

 

non esistano emozioni “buone o cattive”, ma che tutte possono essere espresse, ascoltate ed elaborate.

 

Gli arazzi verranno esposti al Festival Build the Future, dall’8 al 13 aprile. Sarà emozionante e interessante vedere come le emozioni hanno preso vita sulla stoffa, con “sfumature” diverse per ogni classe.

Valeria – Team Build The Future

Comune di Macerata
Dipartimento Dipendenze Patologiche AreaVasta3
Associazione GLATAD onlus

 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento